Tech Gaming
Social Network
Filed under: Recensioni

Deadlink: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

In un periodo di grandi uscite come A Plague Tale Innocence ed altri capolavori, trovano il loro posto sul mercato anche Indie minori ma decisamente interessanti, che purtroppo a causa dei grandi potrebbero sfuggire all’attenzione dei giocatori, ma come sapete se mi seguite da tempo, spesso do loro spazio mediante articoli e Recensioni, permettendovi di scoprire delle vere e proprie perle videoludiche. Certo, siamo ben lontani dal capolavoro, tuttavia meritano la giusta attenzione oltre che un posto speciale nella vostra libreria giochi. Con tale premessa a seguire dunque la Recensione di Deadlink, un nuovo sparatutto cyberpunk frenetico e con meccaniche rouguelite. Nel gioco vestite i panni di un agente reclutato per partecipare ad un protocollo sperimentale noto con il nome di Deadlink. Equipaggiati con un esoscheletro, dovrete farvi strada in ambienti come bassifondi, laboratori, depositi ed edifici vari per sventare i piani dei potenti del mondo, impugnando un vasto e micidiale arsenale, disponendo anche di tecniche ed abilità uniche.

Come accade con ogni roguelite, le partite vengono generate casualmente, dovrete correre, saltare, usare l’ambiente a vostro vantaggio e prendere rapide decisioni per sopravvivere alle ondate di nemici pronti a farvi fuori. Non avrete tempo di pensare sul da farsi, ciò rende Deadlink uno sparatutto frenetico in stile Doom. Potete eliminare i nemici dalla distanza o affrontarli con scontri diretti. Non mancano all’appello splatter ed esplosioni, il tutto rappresentato con uno stile grafico in cel shading, dalle ambientazioni prettamente cyberpunk. Spiccherete salti mentre colpirete dall’alto le ondate di avversari, potrete cambiare arma al volo o sfruttare gli elementi nello scenario per concatenare le uccisioni. Non c’è una vera e propria trama da seguire con cutscene e dialoghi, dovrete semplicemente avanzare trucidando ogni cosa capiti a tiro in scenari generati proceduralmente, cambiando dunque le partite ad ogni morte. Tramite l’hud potete tenere d’occhio barra vitale e scudo, munizioni e gadget a disposizione.

L’assenza di una mappa o miniradar vi porterà spesso a vagare per le ambientazioni in cerca di una strada per proseguire, imbattendovi in potenziamenti e consumabili vari oltre nemici a volontà. In Deadlink non avrete momenti morti, vi troverete per tutto il tempo a correre, saltare e sparare, ricominciando il ciclo da capo in caso di morte. E’ frenetico, divertente e coinvolgente, con un comparto audio ritmato e che si sposa alla perfezione con l’intera esperienza. Non è un capolavoro ma si lascia piacevolmente giocare, uno sparatutto che non da spazio alla narrazione, limitandosi ad una trama basilare che fa da antipasto al piatto forte, affidando alle armi le discussioni con i nemici incontrati. Deadlink è tuttavia disponibile in Accesso Anticipato essendo ancora nel pieno dello sviluppo.

7.5/10
Condividilo