Tech Gaming
Social Network

Segui Tech Gaming sui Social Network per restare aggiornato su tutte le novità in tempo reale (clicca qui)

Filed under: Recensioni

Fire Force: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Dopo Card Captor Sakura The Movie, quest’oggi voglio condividere con voi la Recensione di Fire Force, distribuito in Bluray da Yamato Video, in una edizione da collezione che include 3 dischi, un booklet cartaceo con bozzetti e sinossi degli episodi, un secondo booklet cartaceo con i disegni dei protagonisti e fondali ed una cartolina in edizione limitata, il tutto racchiuso in una confezione in cartone duro. Fire Force è una serie animata nata da un Manga scritto e illustrato da Atsushi Okubo, serializzato tra il il 23 Settembre 2015 e 22 Febbraio 2022, dunque si tratta di un’opera piuttosto fresca. In Italia è giunto grazie a Panini Comics e Planet Manga nel 2017 ed è ancora in corso, mentre la serie animata è stata trasmessa nel 2019 fino al 2020.

Scopri le Migliori Offerte Gaming su Amazon (clicca qui) Eneba (clicca qui) Instant Gaming (clicca qui) e CDKeys (clicca qui)

La trama ruota attorno a Shinra Kusakabe, un giovane pirocinetico di terza generazione che ha guadagnato il soprannome di “Orme del Demonio” per la sua capacità di accendere i suoi piedi a volontà. Le sue abilità lo porteranno ad unirsi all’ottava brigata di pirocineti, il cui scopo è quello di estinguere gli incendi, la sua missione lo condurrà a scoprire il mistero che si cela dietro l’incendio che uccise la famiglia 12 anni prima. La serie, ironia della sorte, vide un vero incendio agli studio di Kyoto durante la trasmissione, ciò portò al posticipo del terzo episodio, il quale passo dal 18 al 26 luglio 2019. Attualmente l’opera presenta due stagioni con una terza annunciata lo scorso Maggio, dunque l’edizione distribuita è incompleta, dato che è arrivata sul mercato per permettere a chi non conosce l’Anime di visionare gli episodi andati in onda in TV qualche anno fa.

Ci sono Anime di ogni sorta, dagli scontri tra robottoni ai futuristici, medievali, horror e sentimentali, e non non mancano di certo i polizieschi, ma Okubo è il primo ad aver incentrato la sua storia sui pompieri, aggiungendoci quel fantasy tanto amato dagli appassionati, dopotutto non sono dei semplici volontari, dunque è vero che da un lato vi sono momenti tipici di un pompiere, in cui si precipita sul posto per estinguere le fiamme con il tradizionale idrante, armato di ascia per farsi strada tra le macerie, ma dall’altro vi sono scene ricche di azione, tra spatorie e combattimenti di mischia o con le abilità pirocinetiche.

Fire Force è un Anime incentrato sul fuoco, e non parlo solo di incendi, sia gli eroi che i cattivi sono dotati di abilità pirocinetiche. Lo scetticismo sorto nei primi episodi nel come sia possibile destare l’interesse dello spettatore al punto da coinvolgerlo per l’intera durata su una storia di pompieri, scompare a serie inoltrata, dopo che un semplice spegnere gli incendi si trasforma in una lotta contro le forze del male, le quali minacciano la società con i loro poteri e mostruosità. Fire Force è ricco di azione, momenti esilaranti e riflessivi, con quel pizzico di tristezza e maliconia nel ricordare quanto accaduto tempo prima, una costante ricerca di riscatto e redenzione, vendetta e appagamento nel realizzare il reale scopo, oltre a salvare gattini sugli alberi e portare in salvo qualcuno da un edificio in fiamme, il quale il più delle volte è una trappola ad hoc come si suol dire, creata per attirare la squadra di eroi.

E’ indubbiamente una serie animata meno nota rispetto alle tante altre di cui vi ho parlato nel corso del tempo, essendo come anticipato piuttosto nuova, dunque inizialmente potrebbe faticare a farsi strada nel cuore dello spettatore, conquistandolo al punto da apprezzare il lavoro svolto e ancora in corso dell’autore. Come detto inizialmente ero piuttosto scettico, della serie bene ma non benissimo, ma vi dirò che a trama inoltrata è inevitabile prendere tra le mani il timbro dell’approvato e colpire con foga il foglio di permesso. Ironia a parte la serie animata si lascia piacevolemente visionare per l’intera durata, dalle prime fasi che fanno quasi fatica a decollare, agli ultimi episodi che lasciano lo spettatore con il desiderio di voler visionare fin da subito la terza stagione, che purtroppo richiederà del tempo per la distribuzione, una trama che è possibile per ora proseguire solo tramite la lettura del Manga, che come sapete approfondisce quei rapporti tra i protagonisti ed eventi che nell’Anime vengono il più delle volte castrati a causa della durata complessiva di ciascun episodio.

3
Condividilo