Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: iOS e MAC, PC, PS4 e PS5, Recensioni Videogiochi, Switch, Xbox One e Xbox Series X

Helheim Hassle: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Se mi seguite da tempo, come sapete non tratto solo giochi Tripla A ma anche Indie, perchè ritengo che sia doveroso concedere il giusto spazio e attenzione a giochi prodotti da studi minori.

Con questa premessa oggi voglio condividere con voi la Recensione di Helheim Hassle, disponibile su PC e Console, sviluppato da Perfectly Paranormal, software house celebre per i suoi tanti giochi surreali, bizzari e puzzle.

Se avete giocato Manuel Samuel, sapete a cosa mi sto riferendo. A seguire dunque le mie impressioni sul titolo.

Helheim Hassle Recensione

Helheim Hassle trasporta il giocatore nell’era vichinga, nei panni di un giovane di nome Bjørn. A seguito della sua morte, il protagonista viene riportato in vita, tuttavia non è più lo stesso, in quanto strada facendo perde le parti del corpo.

Il gioco è un puzzle in 2D, nel quale dovrete superare una serie di ostacoli, utilizzando leve e oggetti presenti negli scenari, sfruttando ogni singola parte del corpo del povero protagonista. Dovrete dunque staccare la testa e gli arti, per controllarli al fine di risolvere gli enigmi.

Come vengono scollegati così potete ricollegarli, dando vita a dei capolavori degni di picasso. Usando le varie parti del corpo potrete accedere a zone inaccessibili. Collegando ad esempio un braccio ad una testa, oltre a farla rotolare potrete spiccare dei salti.

Non manca all’appello una mappa che permette di spostarsi da un luogo e l’altro con i viaggi rapidi, e Codex per comprendere come proseguire la trama. Helheim Hassle è un richiamo per certi versi a Manuel Samuel, in grado di trasmettere comicità e il no sense più assoluto al giocatore.

Come ogni puzzle game che si rispetti, non manca all’appello la possibilità di attivare una sorta di aiuto, per capire come risolvere gli enigmi, senza contare la presenza di collezionabili per coloro che amano il compltetismo. E’ qui che entra in gioco il cosiddetto backtracking, il quale vi porterà a rivisitare luoghi già esplorati in precedenza.

Nel corso dell’avventura farete la conoscenza di personaggi fuori dal comune. 14 i livelli che compongono il gioco, oltre 90 i rompicapi da risolvere e 80 i personaggi con i quali potrete interagire, senza contare migliaia di linee di dialogo che vi ritroverete a leggere.

Purtroppo però il gioco non include la lingua italiana, ma per vostra fortuna per lo meno è in inglese. Il tutto realizzato con uno stile grafico cartoonesco ed animazioni che conferiscono ai personaggi la sensazione di essere marionette nelle pani di un burattinaio.

Inizialmente potreste avere dei problemi a controllare gli arti del protagonista, essendo un Gameplay macchinoso, come in Manuel Samuel del resto, ma col tempo ci farete la mano. Ogni enigma vi porrà di fronte delle sfide più o meno impegnative, e non solo per capire come risolverli ma per imparare a padroneggiare gli arti a proprio vantaggio.

Helheim Hassle è indubbiamente un titolo originale e unico nel suo genere, ci vi intratterà per diverse ore.

Helheim Hassle Gameplay Trailer

7/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy