Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: PC, Recensioni Videogiochi

Here Be Dragons: Recensione: Gameplay Trailer e Screenshot

Pirati e velieri, dobloni e forzieri, chi non ama il fascino dell’epoca piratesca?

Con questa premessa quest’oggi voglio portarvi in mare aperto con la Recensione di Here Be Dragons, un gioco di pirati davvero originale, disponibile per ora solo su PC Steam.

Here Be Dragons strizza l’occhio ai giochi da tavola e lo fa egregiamente, dalle meccaniche al comparto grafico, a seguire maggiori dettagli.

Here Be Dragons Recensione

Come ogni gioco da tavola che si rispetti, le partite sono strutturate a turni e Here Be Dragons non è certo da meno.

Il titolo punta la sua esperienza sui combattimenti a turni, portando i giocatori a fronteggiare un Cristoforo Colombo dedito alla vita da pirata.

La storia ha luogo nel 1500, un’epoca in cui la pirateria non era ancora di moda, in una vecchia Europa che muoveva i primi passi dopo la scoperta del Nuovo Mondo.

Come anticipato il sistema di combattimento avviene a turni in tutti i sensi, avrete a disposizione dei dadi a 6 facce che dovrete tirare come foste in un gioco da tavola digitale.

Ogni faccia del dado permette di eseguire azioni differenti, dal ripristino dei punti vita alla possibilità di potenziare l’attacco, con la gestione la propria flotta al meglio turno dopo turno.

Gli scontri dunque non sono strutturati solo in colpi di cannone per affondare le navi nemiche ma anche nella raccolta di bottiglie di inchiostro galleggianti, indispensabili per cambiare valore ai dadi, riparare i danni subiti, costringere l’avversario a bruciare il proprio dado ed altro ancora.

La storia viene raccontata attraverso dialoghi tra i protagonisti in forma testuale, diari e documenti vari che possono essere consultati nel corso delle lunghe traversate.

Here Be Dragons non è solo un combatti e depreda ma anche esplorazione, il giocatore ha la possibilità con i propri vascelli di esplorare i mari in cerca di forzieri ed altri tesori, passando di isola in isola.

Sbarcando nelle varie località troverete vari personaggi sopra ciascun edificio con i quali è possibile interagire per ottenere richieste e non solo.

E come ogni gioco di pirateria che si rispetti non manca all’appello la diplomazia, con la possibilità dunque sia di affrontare gli avversari in combattimenti all’ultima palla di cannone che instaurare un dialogo.

Naturalmente ad attendere i giocatori più bramosi dall’avventura nei mari non vi sono solo flotte nemiche ma anche mostri di vario tipo, sirene ed altro ancora

Durante gli scontri è possibile monitorare la potenza d’attacco della propria flotta e dei nemici oltre i punti vita, le abilità ed altre caratteristiche.

Il punto forte del titolo risiede nel comparto grafico, il quale da la sensazione di trovarsi di fronte delle pergamene, il tutto accompagnato da una colonna sonora tipica piratesca.

Here Be Dragons è tutto questo e molto di più, un gioco piratesco di stampo strategico che vi terrà incollati ad esso per svariate ore, dal completamento delle tante missioni e richieste all’esplorazione e combattimenti, questi ultimi spesso presenti e che richiederanno abilità e fortuna.

Here Be Dragons Gameplay Trailer

  • 7.5/10
    Grafica - 7.5/10
  • 7/10
    Gameplay - 7/10
  • 6/10
    Trama - 6/10
  • 7/10
    Sonoro - 7/10
  • 7.5/10
    Longevità - 7.5/10
7/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy