Tech Gaming
Social Network

Segui Tech Gaming sui Social Network per restare aggiornato su tutte le novità in tempo reale (clicca qui)

Filed under: Recensioni

Indiana Jones e il tempio maledetto: Recensione, Trailer e Screenshot

Una delle saghe cinematografiche più cult degli anni 90 è senza ombra di dubbio quella di Indiana Jones, volendo o non volendo ha accompagnato la crescita di molti tra grosse risate, azione e scene raccapriccianti, che hanno lasciato un segno indelebile nella mente di molti, al punto da associare Indiana Jones a momenti specifici. A distanza di tempo dal lancio del cofanetto che include uttti i capitoli, Plaion (ex Koch Media) ripropone ciascuna avventura nel formato Bluray 4K, ed oggi dunque voglio condividere con voi la Recensione di Indiana Jones e il tempio maledetto, il capitolo del franchise che ha divertito, emozionato, intrattenuto e in un certo senso disgustato per alcune scene, numerosi spettatori. La versione steelbook include il doppio disco, sia il 4K che il tradizionale, ma entrambi con una qualità decisamente maggiore rispetto l’opera originale con la quale siete cresciuti in TV, sia in audio che video.

Scopri le Migliori Offerte Gaming su Amazon (clicca qui) Eneba (clicca qui) Instant Gaming (clicca qui) e CDKeys (clicca qui)

Dopo essersi a malapena salvato da una lite in un night club di Shangai, Indy fa un atterraggio di fortuna nel cuore della giungla dell’India dove scopre un sinistro complotto cha ha ridotto in schiavitù l’intera popolazione dei bambini di uno sperduto villaggio, tenendoli ostaggi in una fortezza costruita come una miniera. Indy deve salvare i fanciulli e allo stesso tempo evitare di diventare lui stesso schiavo della malvagia setta Thuggee. Nella sua pericolosa avventura verrà accompagnato da un bimbo di nome Shorty, interpretato da Ke Huy Quan ed una cantante di un night club dal nome Willie Scott, interpretata da Kate Capshaw. Il Tempio maledetto è un’opera che ha reso e renderà felici gli appassionati di civiltà come i Maya, dove la storia prevale sul resto, con una buona dose di momenti ironici tra Indiana e Willie, quando ad esempio si ritrovano nel villaggio a mangiare cibi esotici particolarmente digustosi o in un tempio alle prese con qualcosa il cui solo nome potrebbe far rabbrividire chiunque abbia avuto modo di vedere il Film, e nonostante si tratti di un capolavoro, chiudere un’occhio se non addirittura saltare scene da incubo.

Indiana Jones è pur sempre Indiana Jones, il successo degli anni 90 lo ha reso così celebre da vederlo sul grande schermo più volte, senza contare la mole di fumetti e videogiochi, tra cui la recente apparizione in Fortnite oltre il lancio qualche anno fa di un nuovo Film ed un altro in arrivo nei prossimi anni. Il tempio maledetto pur essendo il secondo episodio della serie, quindi il tentativo di proseguire ciò che è iniziato con i predatori dell’arca peduta, riesce a coinvolgere lo spettatore, quasi a giustificare il bisogno sia del suddetto Film che dei successivi, cosa che risulta spesso difficile in un sequel, al punto che diversi Film non raggiungono il terzo episodio dopo il flop del precedente, eppure il caro vecchio Indiana Jones, interpretato da Harrison Ford, non cessa di far divertire, emozionare ma allo stesso tempo tenere incollato alla sedia con scene d’azione degne di nota, seppure si porti alle spalle pur sempre 38 anni.

4.5
Condividilo