Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: Anime e Film, Recensioni Anime e Film

Lupin III The First: Recensione, Screenshot e Trailer

Entra nel canale Telegram(clicca qui) o Server Discord (clicca qui) per scoprire le migliori offerte Amazon, ENEBA, CD Keys e Instant Gaming!

Dopo la Recensione della seconda serie animata di Lupin the 3rd, quest’oggi voglio condividere con voi la Recensione di Lupin III The First, il nuovo lungometraggio in computer grafica dedicato al famoso ladro gentiluomo.

Come sempre l’opera è distribuita da Anime Factory (Koch Media) nei formati DVD e Bluray, che potete acquistare su Amazon cliccando qui. All’interno della confezione troverete il disco con il Film, contenuti aggiuntivi quali Speciale Doppiaggio, Teaser, Trailer cinematografico ed altro ancora, il Booklet cartaceo, ed una serie di cartoline da collezione raffiguranti i personaggi principali.

Interessante sopratutto il Booklet menzionato, in quanto al suo interno racchiude una breve descrizione di ciascun personaggio, la trama, l’intervista al regista, ed una lunga serie di informazioni legate alla produzione del lungometraggio, da come è nata l’idea a come si è evoluta nel corso del tempo fino a raggiungere il grande schermo.

Chi oggigiorno non conosce il celebre Lupin? Il quale ha accompagnato la crescita di molti sopratutto negli anni 80/90, con le tante serie animate in cui la giacca del protagonista aveva un colore differente. Lupin nacque nel lontano 1967, quando il mangaka Monkey Punch si ispirò all’opera dello scrittore Maurice Le Blanc. Nel corso degli anni abbiamo assistito alla produzione di lungometraggi animati ma mai realizzati in computer grafica, per cui inutile dirvi che The First come suggerisce il nome, è il primo Film in CGI dedicato a Lupin.

Previsto inizialmente nei Cinema a Febbraio 2020, a causa del Coronavirus è stato poi trasmesso direttamente su Amazon Prime Video, arrivando di recente in Home Video. Il film narra la storia dell’ennesimo colpo di Lupin, il quale vuole mettere le mani sul misterioso diario di Bresson, un oggetto mistico che nemmeno suo nonno riuscì in vita a rubare, dove al suo interno sono racchiusi segreti molto preziosi, ma Lupin dovrà fare i conti con una losca organizzazione per accaparrarsi l’oggetto. Nel lungometraggio vediamo un Lupin motivato nella sua missione, un Jigen silenzioso e che non sbaglia un colpo ed un Goemon devoto al suo onore, e naturalmente non mancano all’appello celebri personaggi come Fujiko e Zenigata.

Trasformare una serie animata in computer grafica non è sempre facile, in quanto non basta realizzare dei modelli fedeli ai personaggi originali per ottenere il successo sperato, ma bisogna dare la giusta caratterizzazione agli stessi, espressioni, assicurarsi che tutto sia in ordine per non deludere le aspettative dei fan e non distaccarsi troppo dalla serie con la quale molti sono cresciuti. Lupin The First strizza l’occhio alla nostalgia, sfoggiando scenari e personaggi ben realizzati, animati e curati in ogni dettaglio, con una trama in grado di tenere incollato lo spettatore per l’intera durata, strappando delle risate di tanto in tanto ma senza arrampicarsi sugli specchi.

Lupin The First parte col botto e si conclude alla grande, riesce a trasmettere le stesse emozioni della serie animata seppur con uno stile nuovo e moderno, sfruttando a proprio vantaggio il fattore nostalgico per conquistare a sè non solo un pubblico giovanile ma anche coloro che sono cresciuti con la serie animata.

E come nell’Anime, anche nel lungometraggio in computer grafica si da la giusta importanza a ciascun personaggio, evitando dunque di avere sempre i riflettori puntati su Lupin per l’intera durata, dando spazio anche ai compagni d’avventura. L’opera non presenta vuoti o buchi nella trama, con momenti tipici di un regista intenzionato ad allungare il più possibile il proprio Film, ogni cosa è al suo posto ed ha un senso logico.

Il tentativo di trasformare Lupin da un’Anime alla Computer grafica è riuscito alla grande, al punto che a film inoltrato non baderete più allo stile utilizzato, giungendo ai titoli di coda senza accorgevene, con il desiderio di tornare indietro per rivedere l’opera ancora e ancora una volta, nell’attesa che venga prodotto un sequel.

4.5
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy