Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: Recensioni

No More Heroes e No More Heroes 2: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Disponibili da tempo su Nintendo Switch, in attesa del lancio dell’ultimo capitolo della trilogia, i primi due titoli della serie arrivano anche su Steam.Quest’oggi voglio condividere con voi la Recensione di No More Heroes e No More Heroes 2.Quando si parla di SUDA51 c’è chi pensa a Lollipop Chainsaw, Killer 7 ed altri capolavori tra cui Nore More Heoes, sviluppato da Grasshopper Manufacture e pubblicato da Marvelous Interactive, Ubisoft e Rising Star Games. L’elemento che accomuna i giochi di SUDA 51 è il comparto grafico, un cel-shading dai tratti oscuri e marcati.

In No More Heroes vestite i panni di Travis Touchdown, un otaku che trascorre le sue giornate in una stanza di un motel tra poster, action figure, personaggi di Anime e lottatori di wrestling. A corto di soldi decide di diventare un assassino a pagamento, dopo aver vinto una beam katana in un’asta su internet. Al fine di acquistare videogiochi e video di wrestling accetta l’incarico di uccidere Helter Skelter, diventando inevitabilmente un bersaglio per altri aspiranti assassini.

No More Heroes presenta un mondo di gioco liberamente esplorabile sia a piedi che in sella alla motocicletta. Al fine di proseguire nella trama sarete chiamati ad eliminare una lista dei migliori assassini. Tra un omicidio e l’altro potrete dilettarvi in lavori part time, al fine di guadagnare qualche spicciolo extra per l’acquisto di armi, vestiti, video cassette o semplicemente allenarvi. Come anticipato tra le armi che potrete padroneggiare vi è una sorta di spada laser, la quale è alimentata a batterie, ricaricabile agitandola, meccanica pensata per lo più per i controller Switch così come era all’epoca con Wii. La katana può essere migliorata tramite il negozio della Dottoressa Naomi, al giusto prezzo si intende.

Con No More Heroes 2 il team di sviluppo ha apportato delle modifiche all’esperienza oltre ad una trama differente. Nel primo capitolo per ottenere il denaro da spendere in potenziamenti, capi d’abbigliamento, nuove armi ed altro ancora, bisognava portare a termine dei lavori part time. Le attività lavorative o le sessioni di allenamento vengono ora gestite da una sorta di minigioco con grafica 8bit. Altra modifica è legata alla rimozione del free roaming, il quale permetteva di spostarsi liberamente nella città in sella alla moto per raggiungere la destinazione, ora basterà selezionare il punto di interesse dalla mappa.

Un terzo cambiamento riguarda l’importanza del denaro. In No More Heroes poteva essere impiegato anche per pagare la quota di iscrizione a specifiche missioni, nel sequel invece è possibile usarli solo per migliorie ad armi, potenziamenti e personalizzazioni. In No More Heroes 2 la trama ha luogo tre anni dopo gli eventi narrati nel precedente capitolo, Travis torna a Santa Destroy per vendicare l’assassinio del fratello, costretto a scalare nuovamente la graduatoria per raggiungere il primo assassino in classifica, responsabile del brutale omicidio. Al di la delle modifiche menzionate, non vi sono grandi cambiamenti sul fronte gameplay.

Nel corso dell’avventura potrete contare sulla spada laser, pugni, calci ed altre armi per avere la meglio sugli avversari. Non mancano all’appello attività di ogni sorta con riferimenti ai videogiochi in pixel art, dialoghi su dialoghi in stile visual novel, seppure ci sia più azione che cutscene, con la possibilità durante l’esplorazione dello scenario di contare su una minimappa presente su schermo per orientarsi. Esplorando le ambientazioni vi imbatterete in forzieri contenenti potenziamenti e consumabili vari, oltre svariati nemici da eliminare prima di giungere al boss da sconfiggere per scalare la classifica.

Oltre il comparto grafico in cel-shading, la serie No More Heroes è caratterizzata da una colonna sonora piacevole da ascoltare, ritmata e che si sposa alla perfezione con l’azione. Una serie che vi porterà via decine di ore per giungere ai titoli di coda. Rispetto l’edizione Switch su Steam potete beneficiare di migliorie grafiche, seppure rimane naturalmente fedele allo stile con cui è stato concepito. Nell’attesa del lancio di No More Heroes 3 è l’occasione ideale per vivere o rivivere le gesta di Travis Touchdown.

8.5/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy

LIVE NOW! CLICK TO VIEW.
CURRENTLY OFFLINE