Tech Gaming
Social Network

Segui Tech Gaming sui Social Network per restare aggiornato su tutte le novità in tempo reale (clicca qui)

Filed under: News

Paradox: I giochi dovrebbero costare in base alla longevità

L’ultima trovata del team Paradox è quella di proporre prezzi differenti per i giochi in base alla loro longevità. Fred Wester (membro della compagnia) in una recente dichiarazione ha affermato:

Scopri le Migliori Offerte Gaming su Amazon (clicca qui) Eneba (clicca qui) Instant Gaming (clicca qui) e CDKeys (clicca qui)

Se prendiamo in considerazione Spotify, gli autori dei brani vengono pagati in base a quante volte la canzone viene scaricata. Su Netflix pagate una quota fissa in base a quanto pensate che il prodotto valga, sono due cose fondamentalmente differenti.

 

Su Onlive ad esempio ti dicevano che potevi avere il gioco nel loro servizio e ti pagavano in base a quante ore il titolo veniva giocato. 

 

In Paradox amiamo questo tipo di business, la gente gioca i nostri titoli per trecento o quattrocento ore, il modello Game Pass non funziona come dovrebbe, la gente gioca i nostri titoli più di quanto non giochino i single player narrativi.

Cosa ne pensate? A quanto pare secondo Paradox un gioco di 400 ore non ha lo stesso valore di un gioco singolo che dopo 10-15 ore o forse meno viene abbandonato.

Condividilo