Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: Recensioni

Samurai Warriors 5: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

A distanza di quattro anni dal lancio dell’ultimo capitolo della serie, quest’oggi voglio condividere con voi la Recensione di Samurai Warriors 5, ambientato nel periodo Sengoku, durante una lunga guerra per l’unificazione del Giappone. Come da tradizione preparatevi ad un musou action con combattimenti frenetici e ricchi di nemici su schermo, nel quale dei potenti guerrieri si danno battaglia per il controllo dei territori. Samurai Warriors 5 segue le vicende di due personaggi, Nobunaga Oda e Mitsuhide Akechi, comandanti giappoensi alla guida di un vasto e potente esercito, in una trama suddivisa in capitoli e atti sbloccabili progressivamente.

Per la prima volta nella serie il titolo permette ai giocatori di vivere le vicende di un giovane Nobunaga, l’incidente di Honnoji ed altri episodi che hanno segnato la vita del suddetto personaggio, realmente esistente storicamente parlando. Nonostante si tratti pur sempre di un musou, il team di sviluppo ha voluto aggiungere un pò di varietà come il comparto grafico in cel shading e maggiori dialoghi rispetto al passato, cosa che potrebbero infastidire il giocatore desideroso di sporcarsi le mani in battaglia con il sangue dei nemici. Con Dyansty Warriors 9, Omega Force ha pensato di realizzare un musou open world, esperimento che purtroppo non ha ottenuto i risultati sperati, per questo motivo Samurai Warriors 5 è stata l’occasione ideale per tornare sui propri passi.

E’ risaputo che il genere musou è di nicchia, un tipo di gioco che lo si ama o si odia, per tale motivo è lo stesso gioco di sempre, con una mappa liberamente esplorabile e tante attività da portare a termine, nonostante siano per lo più le medesime, dall’eliminazione dei comandanti nemici alla conquista dei punti. Non è però tutto un riciclo di meccaniche, vengono aggiunte novità come un crafting delle armi più elaborato, potenziamenti modificati all’occorrenza e l’introduzione di un albero delle abilità di stampo tradizionale, con mosse inedite da sfoggiare in battaglia. Oltre le combo e super tradizionali potrete vantare su delle azioni speciali e personalizzabili a seconda delle abilità sbloccate, in grado di infliggere ingenti e ulteriori danni agli avversari, recuperando allo stesso tempo salute o barra dello spirito.

Novità decisamente gradite e in grado di spezzare la monotonia e ripetitività di un musou. Come anticipato il tiolo sfoggia un comparto grafico cel shading che permette ai personaggi di assumere un’aspetto più cartoonesco, seppure mantenga dei tratti marcati, meno invece per gli scenari che risultano purtroppo vuoti, ripetitivi, senza possibilità di interagire con alcun elemento e che stonano con lo stile artistico dei personaggi, quasi a volerli porre in secondo piano, dopotutto quando si combattono centinaia di nemici su schermo chi si sofferma ad ammirare lo scenario? Grazie all’uso del nuovo e potente motore grafico, il team di sviluppo è riuscito ad assicurarsi una risoluzione in 4K ed un frame rate stabile sui 60 senza rallentamenti o grossi problemi in grado di rovinare l’esperienza.

Samurai Warriors 5 presenta due lunghe campagne in cui la ripetitività nei combattimenti la fa da padrone, centinaia e centinaia di nemici su schermo pronti ad essere spazzati via. 35 i Samurai disponibili del calibro di Toshimitsu Saitou, i cui destini si intrecciano inevitabilmente, nonostante la trama principale ruoti attorno alle due figure menzionate, ognuno con un proprio albero delle abilità dove spendere i punti ottenuti in battaglia per lo sblocco di potenziamenti vari, come ulteriori segmenti per la barra musou. Da elogiare la scelta del team nell’offrire al giocatore la possibilità di utilizzare differenti armi, aggiornando l’equipaggiamento dei personaggi presso il fabbro del castello, installando skill specifiche o passando ad altre armi, dalle spade alle lance, dall’arco alla naginata.

In Samurai Warriors 5, Koei Tecmo Games introduce le Ultimate Skill, abilità in grado di attivare dei boost temporanei, accedendo ad una serie di pattern di attacchi esclusivi. Ogni personaggio può equipaggiarne fino ad un massimo di quattro, con qualche asso nella manica in battaglia da sfoderare all’occorrenza. Aumentando il livello del personaggio automaticamente incrementando anche le statistiche dello stesso, permettendo al giocatore di beneficiare di una serie di bonus permanenti, con i quali potrete ottenere non solo più esperienza ma anche denaro, indispensabile per l’acquisto di vantaggi esclusivi. Se siete appassionati del genere musou e della serie, gradirete Samurari Warriors 5, nonostante il team non abbia osato più del dovuto.

7/10
Condividilo

LIVE NOW! CLICK TO VIEW.
CURRENTLY OFFLINE