Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: PC, Recensioni Videogiochi

The Hand of Glory: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Se siete appassionati di punta e clicca o avventure grafiche, consocerete sicuramente capolavori come Broken Sword, Monkey Island e tanti altri che hanno fatto la storia del genere.

Quest’oggi voglio condividere con voi la Recensione di The Hand of Glory, disponibile su Steam.

The Hand of Glory Recensione

Un pericoloso serial killer causa il declino del detective Lazarus Bundy, il quale decide di tornare alla ribalta agendo clandestinamente, nel tentativo non solo di ritrovare Kathrin Mulzberg, figlia di uno dei massimi esponenti della città sparita in circostanze sospette, ma anche di assicurare l’assassino alla giustizia e farsi nuovamente un nome.

Dopo una breve introduzione nella quale assisterete all’arrivo del detective in città con il suo fidato mezzo di trasporto, vi ritroverete a risolvere i primi enigmi per poter raggiungere l’appartamento di un losco individuo. Il gioco a differenza di molti altri del genere, permette di scegliere se cimentarsi nel Tutorial oppure catapultarsi fin da subito nell’azione.

Come ogni avventura grafica, dovrete cliccare sui vari punti dello scenario per interagire con gli stessi, con il sinistro del mouse si esegue l’azione, con il destro invece il protagonista farà una riflessione, parlando tra se e se, ed aggiungendo qualche battuta ironica che non guasta mai in un punta e clicca.

In qualsiasi momento è possibile accedere all’inventario, presente nella parte soprastante, il quale conserva non solo tutti gli oggetti raccolti nel corso dell’avventura, ma anche un blocco note che segna i progressi. Premendo ESC si accede al menu di pausa da dove è possibile salvare e caricare i progressi su più slot.

Purtroppo però The Hand of Glory è doppiato in inglese, per fortuna supportato dai sottotitoli italiani, il che lo rende giocabile da chi non mastica la lingua estera. Il tutto realizzato con uno stile grafico cartoonesco, ma dalle animazioni non proprio eclatanti.

Tra una scena e l’altra assisterete a delle brevi cutscene realizzate come fosse una serie animata di Cartoon Network, con dialoghi sempre accompagnai dei sottotitoli. A differenza di altri giochi, non è presente un sistema di aiuto pronto a venire incontro ai giocatori, per tanto in alcuni momenti vi ritroverete a combinare tutto con tutto per poter uscire fuori da una spiacevole situazione.

Morire in The Hand of Glory è più semplice del previsto, in quanto avrete una frazione di pochi secondi per agire, prima che il nemico di turno ponga fine in modo cruento alla vostra vita. Esilarante la presenza di Easter Egg, i quali daranno il via a scene immaginarie del protagonista, per spezzare una trama apparentemente seria con un pò di humor che non guasta.

Dopotutto si sa che il punto forte delle avventure grafiche risiede proprio in questo, basti pensare alle celebre frasi di George Stobbart, come quando pronunzio “mi guardo come se avessi scorreggiato ad un funerale“. L’humor in Hand of Glory non arriva a tali livelli, ma è pur sempre presente per divertire il giocatore durante le esplorazioni.

Vi dirò, in alcuni momenti ho pensato che il gioco si fosse buggato, in quanto pur utilizzando tutto su tutto e con tutti, non riuscivo a proseguire, poi mi accorsi che bisognava prima fare una specifica azione, insomma The Hand of Glory per quanto banale sia a volte, vi lascerà diverso tempo a riflettere sul da farsi.

The Hand of Glory Gameplay Trailer

  • 7.5/10
    Grafica - 7.5/10
  • 7/10
    Gameplay - 7/10
  • 8.4/10
    Trama - 8.4/10
  • 7.6/10
    Sonoro - 7.6/10
  • 7.5/10
    Longevità - 7.5/10
7.6/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy