Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: PC, PS4 e PS5, Recensioni Videogiochi, Switch

Captain Tsubasa Rise of New Champions: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Che campioni Holly e Benji, campionissimi! Quante volte avete ascoltato in passato questa sigla? Chi non è cresciuto con il celebre Anime calcistico, che ha portato molti ad amare il mondo del calcio o cercare di imitare i micidiali tiri di Oliver Hutton e Mark Lenders?

Se siete dunque stati intrattenuti negli anni della vostra adolescenza da Captain Tsubasa, allora ricorderete sicuramente Captain Tsubasa J: Get In The Tomorrow per PSX. Il titolo cercò di portare il divertimento e coinvolgimento offerto dall‘Anime su console, con un gioco calcistico che faceva leva sui micidiali super tiri dei giocatori, ma con visuale isometrica.

Oggi a distanza di molti anni possiamo avere un prodotto di qualità maggiore, in termini di resa grafica. Con questa premessa voglio condividere con voi la Recensione di Captain Tsubasa Rise of New Champions, disponibile a qualche giorno su PC e Console.

Captain Tsubasa Rise of New Champions Recensione

Captain Tsubasa purtroppo non parte dalle origini, non viverete l’intera trama della saga, dunque non c’è alcun Olliver Atton che sfida Benjamin Price, ma il videogioco è incentrato sull’età adulta dei giocatori. Dal menu principale potete cimentarvi nel Viaggio, Versus, Online, Pratica, Ultimate e Collezioni.

Il viaggio indubbiamente è la modalità principale, la classica Storia condita da una generosa presenza di cutscene e dialoghi pre partita e dopo, con la possibilità di cimentarsi nella storia di Tsubasa o di un nuovo Eroe. Tsubasa offre la possibilità di vivere la storia di Oliver Hutton partita dopo partita, con i celebri personaggi della serie animata.

Eroe invece consente di scegliere la scuola di provenienza e di conseguenza la squadra con la possibilità di creare il proprio calciatore, impostando nome, fattezze, acconciatura e molti altri elementi, attraverso il tradizionale editor. Versus consente invece di fare la cosiddetta Partita Rapida, scegliendo una delle 3 modalità presenti.

Match Singolo, Calci di Rigore e Campionato. Potete giocare sia contro il computer che giocatori sulla medesima console, fino a 8 in totale, 4 per squadra. 3 le categorie di squadre a disposizione, da quelle personalizzate dal giocatore a Rep e MS. Non aspettatevi una generosa presenza di team come accade nei giochi calcistici reali che tutti conosciamo.

Ogni squadra ha il suo campione o punta di diamante, in prima fila pronto a segnare goal su goal. Se avete visto gli episodi della serie animata riconoscerete molti volti, nonostante il doppiaggio purtroppo sia inglese o giapponese, con la possibilità di usufruire dei sottotitoli italiani. Scelta la squadra e l’uniforme, potete gestirla impostando la formazione, disponendo i giocatori sul campo, assegnando i ruoli e cambiando le tattiche.

Ogni giocatore naturalmente dispone delle sue statistiche. Non manca all’appello la possibilità di impostare delle opzioni come il livello del computer, la durata della partita, se abilitare o meno i tempi supplementari e calci di rigore, il numero di sostituzioni, il tipo di stadio, il momento della giornata, il tipo di pallone e la camera.

Scegliere attentamente le opzioni è importante, perchè per qualche strano motivo non potrete cambiarle in partita. Solitamente in FIFA o PES si può passare da una camera all’altra in qualsiasi momento, modificare la difficoltà qualora sia elevata e cosi via dicendo, in Captain Tsubasa non è possibile. Impostato il tutto potete scendere in campo assistendo all’entrata delle squadre, il posizionamento sul campo, e il fischio di inizio partita.

Difficilmente assisterete a calci di punizione o fischi per dei falli commessi o subiti, ogni azione, che sia il togliere la palla agli avversari, parare una cannonata, impedire che il pallone giunga al portiere o tirare in porta viene accompagnato da una breve animazione. I comandi sono gli stessi di FIFA o PES, dunque nulla di complesso, a questi si aggiunge però la possibilità di entrare nella V-Zone, una volta che l’apposita barra viene caricata completamente.

In questa modalità la squadra è più aggressiva, i tiri sono micidiali, i movimenti sono più veloci, i giocaotri sono motivati più che mai a vincere la partita, modalità che naturalmente ha una certa durata. Caricando il tiro al massimo quando ci si trova in area di rigore è possibile sferrare un micidiale calcione al pallone, che diventa come per magia ovale, pronto a sfondare la rete, accompagnato da un grosso rapace. Segnare un Goal a volte è una vera impresa, in quanto contrariamente ai rigori, dove i portieri pur parando il pallone se lo lasciano sfuggire dalle mani, in partita anche a difficoltà bassa non avrete vita facile.

Qui entra in gioco la mal ottimizzazione della difficoltà. 3 i livelli selezionabili, ma nonostante si opti per il più basso, gli avversari appaiono aggressivi, spietati e pronti a tutto per spazzarvi via dal campo da gioco. Tirano di continuo con degli attacchi super caricati, quasi a voler eliminare il portiere dalla scena, che nonostante abbia esaurito le energie da ancora il meglio di se.

In partita difficilmente perderete e lo stesso vige per la vittoria, il tutto dunque si decide il più delle volte ai rigori, nonostante in questa fase il portiere non riescono a trattenere il pallone, se naturalmente il portiere in questione è della vostra squadra. Come anticipato ogni giocatore ha la sua barra energetica, motivarli a vincere è importante, per questo entra in azione il gioco di squadra. Nel corso della partita dovrete passare di continuo la palla per creare dei legami con i giocatori o per meglio dire delle intese.

Più gioco di squadra fate e maggiori probabilità avete di caricare più velocemente la barra, che vi consente di sferrare dei potenti attacchi. Sul fronte tecnico il titolo è soggetto di tanto in tanto a qualche calo di frame rate, con un comparto grafico naturalmente il cell shading, il quale conferisce al giocatore la sensazione di vivere un’episodio della serie animata. Personalmente avrei preferito una modalità Storia che partisse dalle origini, maggiori contenuti e varietà nel Gameplay. Captain Tsubasa Rise of New Champions vi farà tornare bambini questo è certo, anche se si poteva fare sicuramente di più per creare un prodotto che rendesse pienamente giustizia all‘Anime.

Captain Tsubasa Rise of New Champions Gameplay Trailer

7.5/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy