Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: News

GTA 6: Il Joker della Florida minaccia Rockstar di liberare l’hacker del leak

Il mondo dei videogiochi è di nuovo in tumulto a causa del ritorno del cosiddetto “Joker della Florida”, Lawrence Sullivan. Questa volta, il suo bersaglio è Rockstar Games, l’azienda dietro il famigerato franchise di Grand Theft Auto, e le richieste sono diventate ancora più strane e audaci.

Sullivan, già noto per le sue stravaganti esibizioni e apparizioni in pubblico, ha accusato pubblicamente Rockstar Games di aver utilizzato la sua immagine senza permesso per creare il personaggio di un clown detenuto nel trailer di anteprima di GTA 6. La sua richiesta iniziale di 5 milioni di dollari di risarcimento entro il suo compleanno, l’11 gennaio 2024, sembrava solo l’inizio di una saga inaspettata.

Tuttavia, mentre avvicinava la data limite, Sullivan ha intensificato la sua campagna sui social media, specificando ora di volere il doppio dell’importo iniziale, affermando che l’uso della sua immagine ha causato “sofferenza e dolore” e ha danneggiato la sua reputazione. Ha insistito sul fatto che il suo aspetto sia stato sfruttato per promuovere il gioco, e ha esteso la sua richiesta di risarcimento a 10 milioni di dollari, dando a Rockstar Games una nuova scadenza, il 14 gennaio, per rispondere alle sue richieste.

Ma le stramberie di Sullivan non finiscono qui. Ha minacciato di coinvolgere Arion Kurtaj, il giovane hacker responsabile del famoso leak di informazioni su GTA 6 nel 2022, terminato con una condanna al ricovero psichiatrico a vita. Sullivan ha offerto pubblicamente a Kurtaj un nuovo laptop per “aiutarlo” a “hackerare nuovamente i sistemi di Rockstar Games“.

L’insolita saga continua a evolversi, mentre il vero Joker della Florida sembra determinato a tenere banco. Resta da vedere come Take-Two e Rockstar Games gestiranno questa situazione straordinaria. Mentre gli avvocati si preparano a un confronto legale, il pubblico rimane in attesa per vedere quale sarà l’epilogo di questa strana vicenda, che continua a tenere in scacco l’immaginazione di molti.

Condividilo