Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: News

Lords of the Fallen: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Preparatevi a intraprendere un viaggio nei cupi regni di “Lords of the Fallen“, dove un antico male minaccia di risorgere, gettando un’ombra sulla terra. Ricco d’azione, alimentato dal potente Unreal Engine 5, promette un’esperienza di gioco stratificata, abbinata a una direzione artistica di alto livello. In una rapida svolta degli eventi, una patch rilasciata successivamente ha affrontato significativamente molte delle iniziali lacune del gioco, ridando vita al mondo immersivo creato da HexWorks. Ora, con un’esperienza più rifinita e coesa, approfondiamo i dettagli della trama e delle meccaniche di gioco.

Ambientato a un millennio dagli eventi della serie originale, il racconto si snoda in un mondo plasmato dalle conseguenze della sconfitta del malefico dio, Adyr. Gli oscuri piani che minacciavano di scatenare il caos sul piano mortale furono infranti da un gruppo di eroi noto come I Giudici, elevati a uno stato semidivino per il loro valore. Tuttavia, una formidabile invasione proveniente da una dimensione parallela, guidata dai demoniaci servitori di Adyr noti come i Rhogar, getta nuovamente l’umanità nel caos.

A contrastare l’imminente rovina è Harkyn, un prigioniero dal passato misterioso. Attraverso un viaggio straziante nelle profondità più oscure del Reame dei Rhogar, Harkyn ha ripristinato la pace nell’universo. Ora, oltre un millennio dopo, un ordine di Crociati Oscuri ha giurato di proteggere il regno di Axiom dal possibile ritorno di Adyr, lanciando un’incessante inquisizione per impedire la reincarnazione del tiranno.Vestirete i panni di un guerriero personalizzabile, un membro di questo ordine, armato della Lanterna Umbral, un antico artefatto che consente il viaggio tra il regno terreno e quello dei morti.

Inizia così la vostra crociata contro le forze del male, poiché la divinità malevola sembra pronta a scatenare la sua ferocia sull’umanità, cercando una vendetta tanto agognata. Man mano che la trama si svela attraverso interazioni con i personaggi, descrizioni degli oggetti e documenti sparsi durante il viaggio, HexWorks intreccia una narrazione criptica e frammentata, invitando i giocatori a unire i tasselli oscuri che si nascondono sotto la superficie di questo cupo regno.

Axiom, l’ambientazione del gioco, emerge come un mondo dark fantasy desolato e in declino. La sua antica grandiosità può essere ancora intravista tra le rovine di strutture in rovina e gli splendidi orizzonti che adornano il viaggio. Il potere della Lanterna Umbral consente l’accesso a Umbral, il regno dei morti. Questa versione distorta e raccapricciante della realtà, con i suoi alberi morenti, pareti rocciose intrecciate con tentacoli terrificanti e edifici di pietra trasformati in masse di ossa e sangue, aggiunge una dimensione affascinante all’atmosfera già coinvolgente.

Le atmosfere del gioco, pur non essendo innovative in termini di originalità, immergono efficacemente i giocatori in un mondo immaginario violento e brutale. Il palcoscenico è pronto per le intense battaglie che “Lords of the Fallen” ha da offrire. Il cuore di “Lords of the Fallen” è la sua reinterpretazione degli action RPG, con un’esplicita ispirazione ai soulslike classici. Il sistema di combattimento richiama l’approccio impegnativo e strategico di titoli come quelli della serie Souls di From Software. Tuttavia, HexWorks ha introdotto diverse meccaniche originali, creando un gameplay stratificato che si distingue.

Dopo la creazione del nostro eroe personalizzato, dotato di una gamma di classi tra cui scegliere, ci immergiamo in un’esperienza di combattimento all’arma bianca che richiede maestria nelle schivate e nelle parate, oltre alla lettura accurata dei movimenti avversari. La selezione della classe influenza non solo lo stile di combattimento iniziale ma anche gli attributi del personaggio, suddivisi in categorie come Forza, Agilità e Vitalità. “Lords of the Fallen” si distingue per le innovazioni nel combattimento, come la possibilità di concatenare combo da un’impugnatura a una mano a quella a due mani in tempo reale. Le diverse classi offrono una varietà di stili di gioco, dalle classiche tattiche spada e scudo alla potente forza bruta di un barbaro o all’abilità magica di un piromante.

Il sistema di equilibrio gioca un ruolo fondamentale: parate perfette o attacchi aggressivi possono interrompere l’equilibrio degli avversari, permettendo attacchi devastanti. Questo aspetto, tuttavia, riduce leggermente la precisione delle contese e il livello generale di sfida. La Lanterna Umbral, un antico artefatto, è centrale nell’esperienza di gioco. Consente il passaggio tra il mondo terreno e quello dei morti, con quest’ultimo che offre opportunità e sfide uniche. La Lanterna può essere utilizzata per dissolvere scudi nemici, eseguire il Soul Flailing (uno speciale attacco) e navigare attraverso gli ostacoli tra i due mondi.

L’esplorazione di Axiom e Umbral richiede attenzione e decisioni tattiche. Umbral, il regno dei morti, è pericoloso e cresce in aggressività man mano che ci si avventura. La scelta del momento giusto per esplorare e la gestione del tempo tra i due mondi diventano cruciali, poiché i punti guadagnati si moltiplicano con il passare del tempo. Il gioco presenta una varietà di boss artisticamente curati, ognuno con un diverso set di mosse e abilità. Studiare attentamente i loro schemi di attacco è essenziale per prevalere. Tuttavia, alcune criticità nel design di alcuni boss possono causare sfide impreviste, e la telecamera occasionalmente può risultare ingombrante durante gli scontri.

“Lords of the Fallen” offre un’esperienza di gioco coinvolgente, seppur con alcune peculiarità. Le sfide tattiche, le innovazioni nel combattimento e l’uso strategico della Lanterna Umbral aggiungono profondità a un gameplay che, sebbene ispirato dai soulslike, si distingue per il suo approccio unico. Le migliorie apportate attraverso patch correttive hanno notevolmente rafforzato l’esperienza di gioco, mitigando le criticità iniziali. La trama, seppur ermetica, si svela attraverso dialoghi, descrizioni e documenti, immergendoci in un’atmosfera dark fantasy di decadenza e desolazione. Il level design articolato, sebbene presenti sfide nel platforming, offre panorami suggestivi tra rovine e paesaggi intrisi di tenebra.

Il gameplay, ispirato ai soulslike, si distingue per l’ampia varietà di classi e stili di combattimento, offrendo un ventaglio di opzioni unico. Le innovazioni nel combattimento, l’equilibrio strategico e l’importanza della Lanterna Umbral arricchiscono il gioco, nonostante alcune peculiarità possano diluire la precisione delle contese. L’esplorazione tra i mondi di Axiom e Umbral richiede decisioni tattiche, mentre i boss imponenti offrono sfide tattiche e un’esperienza coinvolgente. Tuttavia, alcune criticità nel design e occasionali problemi della telecamera possono introdurre momenti di frustrazione.

Dal punto di vista tecnico, sebbene Unreal Engine 5 promettesse meraviglie, texture slavate e animazioni appena sufficienti non rendono giustizia all’immaginario fosco creato dagli artisti. Tuttavia, nonostante queste imperfezioni, il gioco mantiene livelli accettabili di qualità visiva.”Lords of the Fallen” offre un’epica battaglia tra luce e tenebre, arricchita da un gameplay unico e un mondo ricco di sfide e misteri. Pur non raggiungendo l’eccellenza di alcuni predecessori soulslike, il titolo di HexWorks si fa apprezzare per la sua audacia e il suo coraggio nell’innovazione, offrendo un’esperienza soddisfacente per gli amanti del genere.

Condividilo