Tech Gaming
SOCIAL:
Filed under: PC, PS4 e PS5, Recensioni Videogiochi, Xbox One e Xbox Series X

The Surge 2: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Sono trascorsi solo 2 anni dal lancio di The Surge, il quale nonostante la sua innovazione in termini di Gameplay non fu accolto così calorosamente come ci si aspettava, ed oggi sono qui per condividere con voi la Recensione di The Surge 2, il nuovo tentativo di Deck13 nel rilanciare il titolo.

The Surge 2 Recensione

The Surge è da considerare un’esperimento della casa di sviluppo tedesca, nel proporre un Souls like originale, grazie alla meccanica che permetteva e permette ancora ora di equipaggiare gli arti dei nemici, al fine di creare un personaggio unico nel suo genere, devastante e personalizzato.

The Surge 2 da maggiore enfasi alle ambientazioni con più cura nei dettagli per la trama, trasportando il giocatore in scenari più cyberpunk e post-apocalittici. Nonostante si tratti di un sequel, il protagonista del precedente capitolo va in pensione in favore di un personaggio che è possibile personalizzare grazie ad un generoso editor.

L’editor permette di scegliere sesso e vari aspetti del personaggio, al fine di rendere il protagonista della nuova avventura il più personale possibile.

 

Il gioco inizia all’interno di una prigione, dove vengono condotti diversi esperimenti sui criminali, fino a quando suona l’allarme e vi risvegliate in uno scenario ricco di fiamme, esplosioni e criminali a piede libero.

La vostra prima missione è quella di recuperare l’equipaggiamento e di fuggire dalla prigione avendo a che fare con nemici e Boss che vi daranno filo da torcere fin dai primi minuti, mettendo in bella mostra un sistema di combattimento che avete imparato ad amare oppure odiare con Dark Souls.

The Surge 2 non fa sconti a nessuno, risultando fin dai primi minuti cruento, violento e impegnativo quanto il predecessore, ponendo fin da subito il giocatore di fronte cosa lo attende.

 

 

Non manca indubbiamente all’appello il Tutorial che illustra ogni singolo comando che c’è da sapere per giocare, dall’apertura delle porte o ripristino della vita a come eliminare i nemici, impossessarsi dei loro equipaggiamenti ed usare il drone in dotazione, con il quale stordire i nemici, ferirli, creare uno scudo protettivo e compiere varie azioni.

In The Surge 2 si ha la possibilità di esplorare una città di notevoli dimensioni, composta da vicoli, parchi, zone industriali, grotte, laboratori e molto altro, il tutto interconnesso per offrire al giocatore maggiore linearità e continuità, portandovi a tornare sui vostri passi per accedere a zone inizialmente inaccessibili a causa di blocchi o nemici di livello superiore.

La città di Jericho è composta da 9 settori differenti tra di loro sia in design che difficoltà, portandovi a livellare nelle medesime zone per diverse ore prima di addentrarvi oltre, come ogni Souls like che si rispetti.

 

La storia viene raccontata dai dialoghi dei sintetici, registrazioni e documenti da recuperare, con la possibilità di cimentarsi in missioni secondarie esplorando il mondo di gioco, al fine di allungare ulteriormente la durata complessiva del titolo che si attesta sulle 25 ore circa.

Passiamo ora alle novità introdotte nel nuovo capitolo della serie, oltre l’editor per la creazione del personaggio e le nuove ambientazioni, viene rivisto il sistema delle build e la velocità del gioco.

The Surge 2 propone un gameplay più frenetico ma allo stesso tempo punitivo con il ritorno di una meccanica indubbiamente gradita, la possibilità di puntare una specifica parte del corpo da smembrare o colpire.

 

Smembrando le varie parti è possibile raccoglierle per farle indossare al protagonista, creando un esoscheletro di tutto rispetto. Come ogni RPG non manca all’appello il sistema di crafting, il quale permette di creare oggetti utili e migliorare quelli in dotazione.

Altre novità legate al gameplay risiedono nel sistema delle parate direzionali e perk in grado di migliorare l’avatar attraverso l’incremento di stamina, attacco, difesa e cosi via dicendo. Concludo con il drone già menzionato, con il quale avere un pizzico di aiuto durante i combattimenti.

Non manca all’appello il supporto multiplayer, il quale si suddivide in indizi lasciati dai giocatori oppure la possibilità di collaborare con questi ultimi.

 

Eliminando i nemici ed esplorando gli scenari è possibile recuperare non solo armi ed equipaggiamenti vari ma anche punti esperienza da spendere per il potenziamento delle abilità o sblocco delle stesse tramite l’apposita struttura.

Un gioco di ruolo non è tale senza la presenza di personaggi secondari con i quali interagire, utilizzando diverse scelte nei dialoghi al fine di ottenere informazioni che potrebbero tornarvi utili nel corso dell’avventura.

Sul fronte grafico il titolo non eccelle in miglioramenti significativi, presentando su PC dei lievi cali di frame rate e caricamenti a volte più lunghi del previsto, con doppiaggio in inglese e supporto per i sottotitoli in italiano. Se avete apprezzato e completato The Surge allora non potete lasciarvi sfuggire il sequel, se invece non avete mai giocato la saga allora preparatevi a cosa vi attende. 

The Surge 2 Gameplay Trailer

A seguire vi riporto la prima mezzora di gioco trasmessa tempo fa su Twitch:

 

  • 7/10
    Grafica - 7/10
  • 7.4/10
    Gameplay - 7.4/10
  • 7.6/10
    Sonoro - 7.6/10
  • 7.5/10
    Trama - 7.5/10
  • 8/10
    Longevità - 8/10
7.5/10
Condividilo

Questo sito utilizza i cookie per garantire ai nostri utenti l'esperienza migliore possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie Privacy policy